All Posts By

ASA-Ascoli

Giannelli e Mancini: al personale nell’alto e nel giavellotto

San Benedetto del Tronto, 22.5.2021

Ancora in progresso  Laura Giannelli nell’alto. L’atleta, al primo anno della categoria allieve, nella seconda gara della stagione all’aperto si migliora e sale a m.1,72. Laura, allenata da Natalino Angelini, si porta, così, al secondo posto delle graduatorie nazionali di categoria migliorando di 3 cm il suo primato di 1,69 ottenuto 2 settimane fa.

Altro gran bel progresso quello  di Francesco Mancini nel giavellotto JM. Il giovane junior  si migliora di ben 4 m rispetto al personale ottenuto ad Ancona nel primo meeting di maggio la nuova misura di 57,83, lo pone all’ottavo posto nelle graduatorie stagionali.

Ancora in evidenza Ilenia Angelini che a Rieti ha migliorato ulteriormente il suo primato sui 200 dopo che lo aveva già fatto a settembre nel corso dei campionati italiani Allieve. Oggi ha corso in un ottimo 24.55 dopo il personale di ieri nei 100 con 11.83.
(Laura Giannelli (foto Mauro Ficerai)

Angelini, ancora un record: 11.83 nei 100

Rieti, 22 Maggio 2021.   La 18enne velocista dell’Asa Ascoli Piceno, sul rettilineo di Rieti, migliora di altri quattro centesimi il suo primato marchigiano under 20

(Da Fidal Marche – Luca Cassai)

Seconda gara dell’anno nei 100 metri e secondo record regionale under 20 per Ilenia Angelini. Sempre più veloce la 18enne dell’Asa Ascoli Piceno che sfreccia in 11”83 a Rieti, con vento regolare di +1.5. Quattro centesimi in meno rispetto al crono di 11”87 realizzato tre settimane fa, lo scorso 2 maggio, sulla stessa pista. Un altro primato marchigiano che conferma la crescita della giovane sprinter, nata nel 2003 e quindi al debutto nella categoria, allenata dal tecnico Walter Cantalamessa. Durante l’inverno era già riuscita a migliorare il record regionale assoluto indoor dei 60 metri con 7”49 vincendo poi la medaglia di bronzo ai campionati italiani juniores di Ancona. Nella scorsa stagione aveva conquistato l’argento tricolore under 18 nei 200 metri, ancora a Rieti. E non è più così lontano il primato marchigiano assoluto: 11”74 di Annalisa Gambelli che resiste dal 1988.

 

File allegati:
– Risultati

Angelini, che sprint: 100 metri record

Rieti, 05 Maggio 2021
Super crono per la 18enne velocista dell’Asa Ascoli Piceno: con 11”87 sulla pista di Rieti migliora il primato regionale under 20 al debutto nella stagione all’aperto

(Da Fidal Marche – Luca Cassai)

Esordio con il botto nella stagione all’aperto per Ilenia Angelini. La 18enne dell’Asa Ascoli Piceno vola nei 100 metri in 11”87 e firma il record regionale under 20 sulla pista di Rieti. È subito velocissima la sprinter, classe 2003, che supera il limite juniores di 11”95 stabilito nel lontano 1986 da Maria Cristina Cedrati, il 22 luglio di quell’anno a Torino. Ma anche il crono di 11”90 realizzato tra le allieve nel 2019 da Melissa Mogliani Tartabini, finora il più rapido di sempre per una marchigiana al di sotto dei vent’anni.

Sensazionale il progresso della giovane ascolana, cresciuta sotto la guida tecnica di Walter Cantalamessa. Quest’inverno era già diventata primatista regionale assoluta dei 60 indoor con 7”49 per demolire il precedente record di ben sette centesimi. Poi è arrivato il terzo posto nella rassegna tricolore di Ancona, al debutto nella categoria juniores che la vedrà in gara anche nella prossima stagione. Proprio a Rieti l’anno scorso era salita per la prima volta sul podio a livello nazionale, seconda nei 200 metri e quindi vicecampionessa italiana under 18.

Con la nuova impresa, maturata in condizioni pienamente regolari (vento lievemente a sfavore di -0.2), conferma il suo enorme salto di qualità rispetto alla passata stagione, visto che sui 100 aveva un record personale di 12”50. E si candida per un ruolo da protagonista a livello nazionale, dopo essere stata convocata di recente per il raduno azzurro a Formia delle staffette giovanili.

File allegati:
– Risultati

Bronzo per Angelini nei 60 ai Campionati Italiani Junior

Campionati IItaliani Indoor Junior. La finale dei 60 donne (foto Mauro Ficerai)

Ancona, 6.2.2021. Ancora una medaglia per Ilenia Angelini ad un campionato italiano. Questa volta è arrivato un bronzo nella specialità forse a lei meno congeniale i 60m, la specialità che la vede, comunque, capolista stagionale di categoria. Un bronzo che comunque non soddisfa appieno Ilenia che si è presentata al via con il fresco 7.49 ottenuto due settimane fa proprio sulla pista dorica e che le è valso anche il primato regionale assoluto. Le aspettative, o meglio, la speranza e il sogno accarezzati erano quelli di mettere al collo la medaglia del metallo più pregiato. Ma Ilenia non è riuscita a mettere assieme le due fasi, quella di avvio e quella lanciata nel modo ottimale e ha lasciato alle avversarie solo pochi centesimi.

Al traguardo l’ha spuntato Greta Rastelli, Avis Macerata, 7.55 (7.58 in batteria) su Gaya Bertello, Pol.Novatletica Chieri, 7.58 (7.55 in batteria). Per Ilenia Angelini, ASA Ascoli, 7.59 (7.57 in batteria).

Campionati IItaliani Indoor Junior. Il podio dei 60 donne (foto Mauro Ficerai)

La medaglia, pur non soddisfando appieno le aspettative del pre gara rappresenta comunque un successo che, fino a due settimane fa era solo un miraggio ma che ora la pone fra le migliori velociste italiane.

Al di là della naturale compiacimento di tutta la società sono arrivati i complimenti del neo eletto Presidente del Comitato Regionale Marche, Simone Rocchetti che ha sottolineato la crescita della ragazza e del movimento velocistico della regione ed ha visto sul podio le due atlete marchigiane. Anche l’ex presidente de CR Giuseppe Scorzoso non ha voluto far mancare i suoi complimenti per il risultato di Ilenia Angelini.

Record Regionale assoluto per Ilenia Angelini nei m60 indoor

Ancona 24.1.2021.   Straordinaria, in realtà non rende appieno l’idea di ciò che Ilenia Angelini atleta dell’ASA Ascoli ha realizzato oggi pomeriggio ad Ancona, al Meeting Nazionale Indoor di Atletica Leggera. Ha corso i 60 in 7”49 che le vale il primato regionale assoluto che apparteneva a Melissa Mogliani Tartabini con 7”56. Ilenia, junior di primo anno ha ottenuto il risultato all’esordio stagionale. Sicuramente è andata al di là di ogni aspettativa, anche del suo tecnico Walter Cantalamessa che la segue da anni e che l’ha plasmata in modo impeccabile. La sua crescita è continua e già lo scorso anno si era messa in luce conquistando la medaglia d’argento nei 200 ai campionati allievi di Rieti dove in batteria aveva corso con il miglior tempo di 24”94.

Oggi, in entrambe le prova, ha corso in modo ineccepibile ottenendo un’ottima fluidità soprattutto nella fase lanciata che è chiaramente la sua “dote” migliore; e non può essere altrimenti vista la sua esile struttura. Senza timori reverenziali

Ilenia Angelini, terza da sinistra (Foto Stefano Carloni)

rispetto alle sue più titolate ed esperte avversarie, le ha tenute nel mirino forse recuperando qualcosina nella seconda metà di gara; ma non erano poi lontane le due esponenti del C.S. Esercito: Irene Siragusa, 7”34 e Jessica Paoletta 7”44.

Ilenia pratica atletica da quando era cadetta e ha fatto tutta la trafila nelle varie categorie. Frequenta l’Istituto “Mazzocchi-Umberto I” con indirizzo biologico.

Grottammare. Campionati Allievi di 10km – CdS Ass e Master

Da Fidalmarche, di Luca Cassai
Grottammare, 25 Ottobre 2020 – Tutte le foto

La partenza della 10 km (foto Mauro Ficerai)

Titoli italiani della 10 km under 18 per il romano Giampaolo e la lombarda Di  Dato. Brilla il marchigiano Grilli, terzo al maschile. Nella gara assoluta secondo Antonelli

Bella giornata di sport a Grottammare (Ascoli Piceno) che per il quindicesimo anno consecutivo ha accolto una manifestazione nazionale di marcia. Anche in questa stagione con i Campionati italiani allievi della 10 chilometri e le Marche festeggiano la medaglia di bronzo vinta da Mattia Grilli. Il 17enne di Porto Sant’Elpidio, portacolori dell’Atletica Civitanova, si prende la soddisfazione di conquistare il terzo posto tra gli under 18 con il tempo di 49’32” dopo essere arrivato quarto nello scorso weekend a Modena. Nella 20 km secondo il maceratese Michele Antonelli (Aeronautica, 1h24’49”). Al femminile sesta la giovane marchigiana Giulia Miconi (Cus Macerata), vent’anni ancora da compiere, che demolisce il record personale con 1h47’26” e stesso piazzamento nella 15 km juniores dell’osimana Stella Rinaldi (Team Atl. Marche) in 1h25’10”. Tra le allieve nona Francesca Cinella (Atl. Avis Macerata) con 58’17”.

Diego Giampaolo (Foto Mauro Ficerai)

ALLIEVI – I nuovi campioni italiani under 18 sono Diego Giampaolo (Fiamme Gialle Simoni) e Vittoria Di Dato (N. Atl. Varese). Per il romano di Ostia, al primo anno della categoria allievi, è il secondo tricolore della carriera dopo quello ottenuto nella passata

Vittoria Di Dato (Foto Mauro Ficerai)

stagione da cadetto. Il 16enne cresciuto sotto la guida di Orazio Romanzi e del papà Luca cambia ritmo al sesto chilometro e in 45:27 precede anche stavolta il pugliese Pietro Pio Notaristefano (Atl. Don Milani, 46:25) come a Modena dove si erano piazzati dietro a Emiliano Brigante (Trieste Atletica), assente in quest’occasione in una mattinata di sole in riva all’Adriatico. Al femminile la lombarda coglie invece il suo primo titolo in 52:19. Comasca di Oltrona di San Mamette, è un’allieva di Vittorio Zeni che ha avviato alla

marcia l’azzurra Eleonora Giorgi. Sul podio anche Sofia Fiorini (Atl. Libertas Runners Livorno, 53:00) e Verdiana Casciotti (Studentesca Rieti Milardi, 53:19), mentre è costretta al ritiro Giada Traina (Atl. Livorno), recente campionessa italiana dei 5 km, per problemi di stomaco.

Agrusti ed Antonelli (Foto Mauro Ficerai)

20 KM – Sulla 20 chilometri, nella terza prova del Campionato italiano di società valida per il 49° Trofeo Serafino Orlini, prevale Andrea Agrusti in 1h24:24 a poco più di un minuto dal record personale, in una sfida tra cinquantisti. Si conferma in un buon momento di forma il sardo delle Fiamme Gialle, che sette giorni fa è riuscito a cogliere il secondo posto tricolore sui 10 km firmando il suo primato in 40:26 a Modena. Alle sue spalle il marchigiano Michele Antonelli, azzurro della 50 km ai Mondiali di Doha: il maceratese dell’Aeronautica è secondo con 1h24:49 in un test al termine di due settimane di carico nel raduno a Siracusa, dopo aver affiancato il leader nella fase centrale della gara. Finisce terzo Marco De Luca (Fiamme Gialle) in 1h25:56 davanti al 22enne Juriy Micheletti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) che si migliora di quasi un minuto con 1h29:48. Tra le donne Federica Curiazzi (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) vince in 1h38:11 replicando in sostanza il crono di 1h38:10 ottenuto due settimane fa nell’incontro di Podebrady in maglia azzurra. Dopo metà gara riesce a staccare Sara Vitiello (Gs Self Montanari & Gruzza Reggio Emilia, 1h41:18), poi taglia il traguardo Beatrice Foresti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) che in 1h42:40 abbassa di circa tre minuti il personale, a pochi giorni dal 22esimo compleanno. Alla vigilia ha rinunciato l’azzurra Nicole Colombi (Carabinieri), vicecampionessa italiana dei 10 chilometri.

UNDER 20 – Nella gara juniores di 20 km in evidenza Gabriele Gamba (Atl. Riccardi Milano 1946): un progresso di due minuti e mezzo abbondanti con 1h29:07 per il bergamasco, medaglia d’oro nel 2019 al Festival olimpico della gioventù europea. Più dietro chiudono Daniele Breda (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter), 1h31:38 appesantito da una sosta di due minuti in “penalty zone” nel tratto finale, e Giulio Scoli (Atl. Livorno, 1h34:59), invece non completa la prova Davide Finocchietti (Atl. Libertas Runners Livorno), fresco vincitore dei 10 km alla rassegna tricolore. Al femminile, con le under 20 sull’insolita distanza dei 15 chilometri, un’altra prestazione convincente di Simona Bertini (Francesco Francia Bologna) in 1h14:02 dopo il titolo vinto nella 10 km a Modena, per avere la meglio nei confronti di Martina Casiraghi (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter, 1h17:23 dopo uno stop in “pit lane” di 120 secondi) e Alessia Titone (Safatletica Piemonte, 1h19:40).

MASTER – Impegnati anche i master nella 10 km valida come seconda e ultima fase della rassegna tricolore per club, dopo quella su pista ad Arezzo di due settimane fa. A livello individuale, primo posto di Luca Latorre (SM40/Pol. Rocco Scotellaro Matera) con 48:27 e Valeria Pedetti (SF45/Atl. Arcs Cus Perugia) in 54:06. Nelle graduatorie “over 35” di società, gli uomini della Kronos Roma svettano su Italia Marathon Club e Atletica Brugnera Friulintagli, al femminile la Liberatletica Roma precede Track & Field Master Grosseto e Atletica Arcs Cus Perugia.

TROFEI – Il 49° Trofeo Serafino Orlini dedicato alle gare assolute premia l’Atletica Bergamo 1959 Oriocenter, che conquista anche il 3° Trofeo Città di Grottammare, con l’Amatori Atletica Acquaviva ad aggiudicarsi il 15° Trofeo Simona Orlini riservato agli allievi. Presenti fra gli altri Enrico Piergallini, sindaco di Grottammare, con l’assessore comunale Alessandra Biocca, insieme a Fabio Luna, presidente Coni Marche, e Giuseppe Scorzoso, presidente Fidal Marche, con il maestro dello sport Armando De Vincentis, delegato provinciale Coni Ascoli Piceno, senza dimenticare gli organizzatori del Centro Marcia Solestà capitanati da Vincenzo Ferretti e la Fondazione Simona Orlini Onlus rappresentata dalla presidente Elisabetta Alessandrini. Sono intervenuti anche l’imprenditore Ercole Velenosi e l’azzurra della marcia Antonella Palmisano, madrina della manifestazione.

File allegati:
– Risultati

Grosseto. Secondo Comini nel giavellotto, quarto De Angelis nel triplo ai campionati promesse.

Valerio de Angelis (foto Mauro Ficerai)

Importanti prove di Comini e de Angelis ai campionati italiani Juniores e Promesse di Grosseto

Grosseto 20.9.2020

Giavellotto PM. Appassionante e piena di trepidazione la gara di giavellotto promesse. A Simone Comini è sfumata all’ultimo lancio la possibilità di vincere il titolo tricolore. E’ stato un vero e proprio duello tra Simone e l’atleta del Cus Parma Norberto Fontana che si porta in vantaggio al primo lancio 67,04. Simone lo incalza con un buon 65,81. Al terzo lancio Comini si porta in testa facendo veleggiare il suo attrezzo fino a 69,38 e al quarto a 69, 96.  Al quinto Fontana si porta avanti con 70,80 ma è all’ultimo lancio che i due si sfidano “all’ultimo sangue”. Fontana lancia a 74,41. Comini risponde con il suo miglior lancio di giornata ma atterra “solamente” a 72,52. Titolo sfumato, complimenti al vincitore ma rimane l’ottima prestazione comunque di carattere dell’atleta ascolano.

Grosseto 19.9.2020:

Triplo PM. E finalmente dopo una rincorsa durata 2 anni Valerio De Angelis abbatte il muro dei 15 metri nel triplo. Lo fa nella giornata più importante. Quella della finale dei campionati italiani Juniores e promesse di Grosseto atterrando a m.15,19. Agguanta la quarta piazza già al terzo salta con un già ottimo 15,09. Ma è tutta la serie che va incorniciata. Dopo i primi due salti interlocutori (14,38 +0,1 e 14,57 +o,2), Valerio piazza il 15,09 +1,3 che gli dà la tranquillità della prestazione. I successivi tre salti sono tutti al di sopra del suo vecchio limite (14,90 +0,4 – 14,96 +0,5 – 15,19 +0,5). La soddisfazione dell’atleta è stata subito evidente. Il raggiungimento di un importante obiettivo premia la sua costanza, la sua tenacia e premia gli sforzi e la passione che Marco De Santis, il suo tecnico, gli trasmette. La medaglia di bronzo seppur non così lontana non era comunque oggi alla sua portata, ma ciò che conta è la continua crescita dell’atleta.

m400hs JM. Alla sua prima esperienza tricolore Gregorio Acciaccaferri corre la gara delle barriere basse intorno al suo limite personale ottenuto proprio in settimana a Forlì. Gregorio ferma il cronometro a 58.82 piazzandosi al quarto posto nella sua batteria e quindicesimo complessivo. Dopo una buona partenza mantiene una ritmica di 15 passi fino al settimo ostacolo per poi passare a 16 fino alla fine. Qui si disunisce un po’ e perde qualche certezza nel passaggio. Gara comunque importante per l’atleta che fa un’importante esperienza.

m110hs JM. Nella corsa fra le barriere Federico Agostini si è piazzato al quinto posto in batteria (15.47 -0,3). Federico aveva avuto un pur buon avvio e la ritmica è sembrata buona ma l’impatto di seconda gamba con il settimo ostacolo lo ha disunito e, di fatto, gli ha impedito di ottenere quel 15.30 che sarebbe servito per entrare in semifinale.

Martello JM. Undicesima piazza per Ronaldo Mancinelli che non riesce ad andare al di là di un 52,89m a quasi 4 metri del suo accredito. Ronaldo dopo un primo nullo piazza la sua misura che però non gli consente di entrare fra i migliori 8. Nullo anche al terzo e questo spegne definitivamente le possibilità degli ulteriori tre lanci. Ronaldo si era qualificato agevolmente (55,01), nella giornata di ieri, facendo ben sperare per la finale dove però non è riuscito a trovare il feeling con la pedana.

Grosseto 18.9.2020

Martello PM. Bellissimo settima piazza per Orges Hazisllasi che nel martello promesse uomini ottiene il massimo che gli si poteva chiedere. Dopo un primo lancio nullo ha inanellato una serie di lanci tutta attorno ai 50m coronata da un ultimo di 50,66. Soddisfazione per l’atleta che nell’ultimo anno, per motivi di lavoro, non è riuscito a dare continuità al suo allenamento.

Simone Comini Grosseto18—20/09/2020 Campionati italiani juniores e promesse – foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Federico Agostini (foto Mauro Ficerai)

Gregorio Acciaccaferri (foto Mauro Ficerai)

Argento vivo per Ilenia Angelini nei 200 metri ai campionati Italiani Allievi

Ilenia Angelini (foto Grana/Fidal)

Rieti 12.9.2020.
Tornano a conquistare medaglie ai campionati tricolori dopo un lungo periodo di digiuno le donne dell’ASA. Il merito è tutto di Ilenia Angelini che, oggi a Rieti ai campionati italiani allievi lo ha fatto correndo le due frazioni, batteria e finale in modo magistrale aggiudicandosi l’argento. Un soffio da quell’oro che la prestazione della mattina in batteria ci aveva autorizzato a riporvi un piccolo sogno. Ma andiamo per ordine.

Ilenia già nella scorsa settimana a Macerata aveva dato importanti segnali di crescita proprio sul piano della prestazione cronometrica correndo i 200m in 25.29 con un vento di -1,4m/s. Limando in questa occasione quasi 3 decimi alla sua precedente prestazione. Oggi si è presentata nella batteria del mattino con il coraggio di chi sa di avere delle chance e determinata a sfruttarle. Ha corso di autorità e fermato il crono a 24”94 +1,3. Il tempo le vale il primato sociale battendo quello fresco ottenuto la settimana scorsa ma, soprattutto, le ha consentito l’accesso alla finale A con quella che si è poi rivelata la miglior prestazione delle batterie.

Nel tardo pomeriggio rietino Ilenia non ha perso sicurezze ed ha corso la finale con lo stesso piglio della batteria. Il lotto di prim’ordine delle avversarie è dato dallo scarto di soli 31 centesimi tra la prima e l’ottava classificata. Finale dunque tiratissima che ha visto Ilenia Angelini (25.08 + 0,3m/s) cedere di soli 7 centesimi la prima piazza a Hbiba Faissal del Cus Parma (25.01). Il risultato rende, comunque, merito alla tenacia della ragazza allenata da Walter Cantalamessa che la segue da tre anni con un importante lavoro di costruzione. Rende anche tanta soddisfazione a tutta la società a partire dal presidente Brutti che ha espresso parole di elogio nei confronti della ragazza e del lavoro svolto dal suo tecnico.

Altri risultati degli atleti dell’ASA in gara
Salto in alto Ae:
8° Laura Giannelli, allenata da Angelini Natalino, superando l’asticella a 1,63 m. che pur se al di sotto della sua miglior prestazione 1,67 conferma la costanza di risultati su misure importanti
Staffetta 4×100 Ae:
13° Con il nuovo PB per le quattro staffettiste: Ashley Varagnolo, Chiara Rociola, Aria Albertini e Ilenia Angelini con un buon 50″08.
Giavellotto Ai:
18°  Francesco Mancini, allenato da Armando De Vincentis, che scaglia il suo attrezzo a 50,83
Quindi Sabrina Salvatori nei 100 m con il tempo di 12″87, Mascetti Asia negli 800 m con il tempo di 2’32”41 e Lorenzo Agostini nei 110 hs.

Nella classifica di società della categoria femminile l’ASA conquista il 19° posto

Ilenia Angelini (foto Grana/Fidal)

Ilenia Angelini (foto Grana/Fidal)

 

 

 

 

 

 

Ilenia Angelini e Walter Cantalamessa

 

 

Fine settimana di gare. Crollano record sociali.

Buon fine settimana per gli atleti dell’ASA impegnato in diverse sedi hanno avuto modo di mettersi in luce con prestazioni che cancellano primati sociali, a dir la verità, risultavano coperti da un “leggero strato di polvere”.

Fotogallery

Ilenia Angelini – Strobo (foto Muro Ficerai)

A Macerata, 5.9.2020.
Straordinaria la prova di Ilenia Angelini nei 200; seconda all’arrivo dietro a Benedetta Boriani (25.14) della Stamura Ancona, ferma il cronometro su un importantissimo 25”29 (-1,4) che migliora il suo precedente 25.57 ottenuto qualche settimana fa.

Dopo una buona partenza e un’altrettanto buona accelerazione ha saputo mantenere alta la velocità per tutta la curva uscendo appaiata alla Boriani che si trovava nella corsia subito all’esterno. Sul rettilineo le ragazze hanno trovato un vento di -1,4m/s ma è stato un testa a testa entusiasmante fino al traguardo dove Ilenia ha dovuto cedere 15 centesimi alla più esperta avversaria.

Ma la cosa più importante è che la prestazione la proietta al quarto posto delle graduatorie stagionali allieve e le apre nuove prospettive in vista dei campionati italiani in programma a Rieti nel prossimo fine settimana. Ilenia, con questo risultato, toglie anche un po’ di polvere ai primati sociali. Risalgono infatti al 25 giugno del 1977, Ascoli Piceno, quello di Eleonora Gabrielli (25.1) e al 21 giugno 1992, Termoli, quello di Federica Di Donato (25.40). La ragazza, allenata da Walter Cantalamessa, è apparsa quest’anno in grande crescita con importanti progressi, non solo cronometrici ma soprattutto tecnici. Nella stessa gara Ashley Varagnolo avvicina il suo personale fermando “le lancette” su un buon 26”78 ma che non le rilascia il pass per i campionati allievi.

Laura Giannelli (foto Mauro Ficerai)

A Pescara, 5.9.2020.
Anche a Pescara si è provveduto, con il piumino, a togliere la polvere che con il tempo si era depositata sul primato dell’alto femminile. In realtà, Laura Giannelli la spolverata l’aveva già data nelle settimane scorse portando il primato sociale a 1,67. Il precedente (1,65) apparteneva ad Ornella Nardinocchi realizzato ad Ascoli Piceno nel lontano 24.4.1977. Ma oggi Laura ha ritoccato ancora di 1 centimetro questo primato superando al secondo tentativo l’asticella a 1,68”. Anche per lei la misura vale una posizione importante nel ranking stagionale e la inserisce al terzo posto. La prospettiva temporale è sempre quella dei campionati italiani della prossima settimana a Rieti. Percorso netto per la Giannelli che partita da 1,45 supera alla prima prova anche 1,55; 1,59; 1,63; 1,66; ed incontra il primo errore proprio a 1,68; ma alla seconda salta con determinazione e l’asticella rimane saldamente ancorata ai ritti e Laura può gioire……

Maria Sofia Bedini (foto Mauro Ficerai)

A Fermo, 6.9.2020
Seconda giornata di gare consecutiva. Si va a Fermo dove si disputa il tradizionale Trofeo “Città di Fermo”. Raffica di risultati. Questa volta in chiaro scuro.
Nei 110hs allievi Lorenzo Agostini acciuffa il minimo per i campionati italiani in una gara dove ha gareggiato da solo. Qualche problema tecnico ma obiettivo raggiunto. Suo fratello Federico ha chiuso la sua prova in 16.08 dopo aver incocciato pesantemente con due ostacoli.
Nei 1500 Riccardo Piccioni ottiene il personale e scende a 4.18.00 che rappresnta una buna iniezione di fiducia per l’allievo allenato da Angelo Angeletti.
Buone le prove dei martellisti Ronaldo Mancinelli (56,16) che ottiene il personale nel martello Junior, e di Orges Hazisllari (51,48) in quello assoluto.
Nei 100m donne 13”09 per Ashley Varagnolo, nel lungo 4,92 per Chiara Rociola, nei 400m 56”27 per Gregorio Acciaccaferri. Nella categoria ragazze bella prova delle allieve di Gildo Baldini che dominano la seconda serie occupando le prime quattro piazze nei m600 alla loro prima esperienza. Nell’ordine Maria Sofia Bedini 1.56.07; Flavia Sciamanna 1.59.27; Sophia Zaini 2.01.70; Elisa Pedicelli 2.04.44.

A Pescara, 6.9.2020
Ancora campionati abruzzesi a Pescara. Leonardo Ferretti non è riuscito a trovare il feeling con la pedana e si è fermato ad 1,80 bel lontano da quel 1,91 ottenuto ad Ancona nel mese di luglio. La misura che al suo primo reale anno di attività lo ha portato al secondo posto delle graduatorie sociali all time dietro al 2,02 di Fabio Tentorini.